Home / Prove / Moto / MV Agusta Brutale 800RR – 16 prime impressioni

MV Agusta Brutale 800RR – 16 prime impressioni

MV AGUSTA BRUTALE 800 RR

Mentre la MV Agusta Brutale 800 RR è visivamente simile al suo precedente modello, i cambiamenti che hanno richiesto ben 3 anni di sviluppo hanno migliorato sensibilmente le sensazioni e il comportamento nelle guida.

L’abbiamo guidata tra le Alpi del Nord Italia per scoprire cosa la separa dal precedente modello.

1. Le nuove proporzioni del serbatoio e del telaio della nuova Brutale la rendono notevolmente più snella di prima. Si presta ad ogni condizione di utilizzo. L’800 RR è facile da guidare a basse velocità, e allo stesso tempo incredibilmente gratificante e infallibile quando si alza il ritmo.

MV Agusta Brutale 800 RR

2. Il potente motore a tre cilindri, con l’innovativo albero contro-rotante che riduce anche le vibrazioni, è ora conforme alle severe normative Euro 4 senza perdere potenza. La potenza di picco rimane 140 CV a 12,300 giri / min, con il picco di coppia di 87 Nm (8,87 kgm) a 10.100 giri/min.

3. Gli aggiornamenti alle mappature del motore e i nuovi algoritmi del TC fanno compiere alla MV un grande miglioramento, la Brutale 800 RR è ora molto dolce nelle aperture della manopola del gas. Il precedente nervosismo che era particolarmente evidente nelle piccole aperture del gas, è completamente scomparso.
Ci sono sempre quattro Riding Mode: Sport, Normal, Rain e un’impostazione personalizzata per le preferenze individuali, facilmente modificabili al volo con la pressione di un pulsante sul manubrio. Nonostante il livello estremamente alto di messa a punto del motore e la modalità Sport relativamente aggressiva, la Brutale è ancora piacevolmente trattabile a bassa velocità.
Ho particolarmente apprezzato la fluidità e la reattività dell’acceleratore.

4. Un evidente upgrade è il nuovo cambio a 6 rapporti e un sistema quick-shifter che include un blip-downshift impeccabile. Ora è necessario uno sforzo ridotto alla leva del cambio, quindi è morbido ma preciso e scorrevole. Aggredire le tortuose strade attorno al Lago Maggiore richiede un sacco di rapidi cambi di rapporto, e il cambio della Brutale 800 RR è stato un piacere assoluto da usare.

5. Sono stati dedicati molti sforzi per migliorare la calibrazione del controllo di trazione a otto livelli per renderla molto più accurata e precisa. La Brutale 800 RR non ha una piattaforma inerziale IMU, quindi gli algoritmi TC dipendono dalla precisione dei sensori di velocità delle ruote e non esiste un wheelie control separato. Nell’impostazione TC-2, la Brutale è propensa alle impennate di potenza sia nella prima che nella seconda marcia. 🙂

6. La forcella Marzocchi da 43 mm ora dispone di steli in alluminio con rivestimento DLC (Diamond Like Carbon) e foderi esterni in alluminio anodizzato che consentono di risparmiare 4,40 kg su ciascun lato! L’ammortizzatore posteriore Sachs è rimasto invariato. L’ammortizzatore di sterzo in cima alla piastra di sterzo non potrebbe essere più facile da regolare. Il peso secco della 800 RR rimane uno dei più bassi della categoria: solo 175 kg a secco.

7. La Brutale è molto più stabile, soprattutto alle alte velocità. Il passo è stato allungato di circa 19 mm, arrivando a quota 1400 mm. La 800 RR conserva ancora la sua straordinaria agilità, e le oscillazioni al manubrio ad ogni velocità sono ora completamente scomparse. Questo rende stabile ed efficace la moto anche quando si guida al limite.
Il merito di una maggiore rigidità del telaio e di una migliore maneggevolezza deve essere attribuito al punto di montaggio aggiuntivo del motore sul telaio a traliccio in acciaio.

8. L’ammortizzatore di sterzo a otto posizioni non è una novità, ma è lì. Si regola attraverso il pomello di regolazione ed è posizionato in alto in prossimità della piastra superiore di sterzo. Quindi è estremamente facile da regolare durante la guida.
L’ho regolato settandolo al massimo per vederne gli effetti e la sensibilità alla regolazioni e non mi ha fatto notare alcuna differenza evidente. Sicuramente, sommato alle altre migliorie, contribuisce anche lui a rendere la nuova Brutale più “educata”.

9. Il misto, pieno di curve che costeggiano il Lago Maggiore, sul quale abbiamo testato la nuova MV, è stato terreno fertile per gli pneumatici Pirelli Diablo Rosso III che si sono rilevati all’altezza di ogni condizione. I Diablo Rosso III, inoltre, hanno un maggior grip sul bagnato rispetto ai top di gamma Diablo Supercorsa e nell’asciutto sono stati esemplari, non sono mai scivolati / non hanno mai perso grip in nessuna condizione.
Le nuove ruote della Brutale sono in alluminio forgiato con scanalature e accenti fresati. Si abbinano perfettamente alla bellezza e lo stile della moto.

10. L’ABS è di serie sulla Brutale 800 e comprende anche la RLM (Rear Wheel Lift-Up Mitigation) per aiutare a controllare gli stoppie. Le pinze Brembo, azionate da una pompa Nissin, hanno un morbido mordente iniziale che rende la frenata modulabile che diventa progressivamente potente quando si va a premere con forza sulla leva. Nel traffico, ho avuto un brutto “episodio” causato da un automobilista disattento. Fortunatamente, la Brutale ha reagito perfettamente alla mia frenata di emergenza.
Il freno posteriore è abbastanza morbido, e l’ho trovato molto utile per controllare le “esuberanti” impennate.
Nel complesso, ho apprezzato molto l’impianto frenante della MV.

11. Ergonomicamente, l’altezza della sella da terra è relativamente alta (830 mm) e sarà sicuramente una sfida per alcuni. Tuttavia, la moto è così leggera e ben bilanciata, per la maggior parte delle persone non sarà un problema anche se dovranno allungarsi un po ‘per raggiungere il suolo. La sella del pilota è “dura”, ma confortevole, e c’è molto spazio.

12. Nonostante la posizione sportiva delle pedane, nel complesso la posizione di guida è comoda. Tuttavia, il triplo scarico MV sul lato destro può interferire con il tallone quando si fa girare il piede per girare a destra. Non è un difetto, è questione di abitudine. Non è male rispetto ad altre moto che ho provato come la Ducati Monster 1200.

13. Particolare attenzione è stata dedicata alle sistemazione del passeggero. La nuova sella, divisa da quella del pilota, è molto più comoda per lo stesso, mentre le maniglie di appiglio rimovibili sono un bel tocco di classe.

14. MV Agusta, in ottemperanza alle normativa di conformità Euro4, utilizza strumenti avanzati di ricerca “audio” per identificare con precisione dove i diversi livelli di rumore provengono dal motore. Ciò ha aiutato gli ingegneri a riprogettare i coperchi del motore e le parti interne del motore per attenuare i rumori meccanici.
Questa modifiche hanno enfatizzato anche il “ruggito” di aspirazione e la tonalità di scarico che sono tratti distintivi della gamma di motori MV Agusta.

15. Il quadro strumento è uno dei pochi aspetti deludenti della nuova MV. Le informazioni importanti sullo schermo LCD sono abbastanza facili da vedere, anche se il TC ed altre impostazioni sono minuscole e difficili da vedere a colpo d’occhio. Su una moto Premium con tecnologie così avanzate, mi sarei aspettato un display TFT a colori bello e leggibile. Moto molto meno costose lo forniscono di serie – è ora di cambiare MV 🙂

16. L’incredibile qualità costruttiva e l’esclusività MV Agusta non costano poco. A € 15.770, il prezzo del Brutale 800 RR è pressoché sbalorditivo come del resto tutta la moto.
MV costruisce moto di qualità premium e le vende ad un prezzo premium, ed è difficile dire che la MV Agusta 800 RR 2018 non valga ogni centesimo del suo prezzo…

Next Prev
Slide 1 |
Slide 2 |
Slide 3 |
Slide 4 |
Slide 5 |
Slide 6 |
Slide 7 |
Slide 8 |
Slide 9 |
Slide 10 |
Next Prev

About TDM Staff

Sono un motociclista a tempo pieno. Adoro condividere le mie esperienze scrivendo articoli sul web grazie anche alla collaborazioni di realtà importanti nel settore. Fin da bambino ho sempre sognato di fare qualcosa a contatto con le moto, e ora eccomi qua a condividere la mia passione più grande. Con Voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi